Un bicchiere di frutta secca e frutta disidratata!


Con il caldo la fame diminuisce e la sete aumenta! E allora perché non convogliare in un bicchiere tutto il buono della frutta, il potere rinfrescante e dissetante di una bevanda e le proprietà uniche della frutta secca? Con i frullati tutto diventa possibile!

Il 20 marzo abbiamo salutato l’inverno e dato il benvenuto alla primavera, azionando così il countdown all’arrivo di temperature decisamente più calde. In vista della stagione estiva, è fondamentale dedicare la giusta cura all’alimentazione prediligendo alimenti ricchi di sali minerali e micronutrienti, leggeri ma appetitosi… come la frutta secca, ad esempio! Con il caldo, però, si sa: la fame diminuisce e la sete aumenta! E allora perché non convogliare in un bicchiere tutto il buono della frutta, il potere rinfrescante e dissetante di una bevanda e le proprietà uniche della frutta secca? Con i frullati tutto diventa possibile!

Nocciole, albicocche secche, pistacchi, mandorle, bacche di goji… la frutta secca e la frutta disidratata è l’ingrediente perfetto per arricchire un frullato. Tutto sta nel saperla abbinare con maestria a frutta e verdura. Ecco 5 idee per realizzare rapidamente degli originali mix da consumare come merenda durante un caldo pomeriggio, come colazione originale e, se opportunamente congelato negli appositi stampini, anche come ghiacciolo home-made.

Team Mandorla

Due manciate di mandorle, due bicchieri di acqua, frullare il tutto e poi filtrare: complimenti, hai appena realizzato il tuo primo latte vegetale! Il sapore delicato e avvolgente della mandorla si armonizza alla perfezione con la frutta esotica, come mango, kiwi o banana. Se poi vuoi renderlo super fresco, aggiungi al mix un paio di cubetti di ghiaccio per rendere il tutto ancora più cremoso e dissetante!

Dopo la M c’è la N

Come da ordine alfabetico, una mossa vincente è inserire nel frullatore prima le mele e poi le nocciole, magari accompagnando il tutto con una spolverata di cannella o di zenzero: il mix che si crea è un frullato armonico dal gusto rotondo, leggermente speziato, perfetto per risvegliare il palato. È l’ideale per una merenda o uno spuntino spezza-fame di metà giornata. E poi, si adatta alla perfezione anche alla stagione invernale!

Pistacchio per dolce

Dopo una cena completa, che sia a base di pesce, di carne o vegetariana, non c’è niente di meglio di un dolce o di una frutta per alleggerire il palato. È troppo chiedere entrambe? Assolutamente no! Prova ad abbinare il sapore deciso dei pistacchi leggermente tostati a quello dolce e avvolgente delle ciliegie: una combinazione perfetta per concludere il vostro pasto, soprattutto se in compagnia!

Un consiglio: se aggiungi un paio di cubetti di ghiaccio otterrai una crema densa che puoi trasformare in un dessert al cucchiaio. Arricchiscila con delle scaglie di cioccolato o della granella di frutta secca e voilà, il gioco è fatto.

Non solo pesto

I pinoli non sono unicamente utilizzabili per il pesto alla genovese: lo sapevi? All’interno di un frullato danno un contributo fondamentale, sia in termini di micronutrienti che di sapore. A noi piace abbinarli con la pera e qualche foglia di menta per una bevanda straordinariamente fresca, soprattutto se guarnita da qualche pezzetto di frutto tropicale congelato. In alternativa, è possibili abbinarli con i frutti di bosco, freschi o disidratati (mirtilli secchi, bacche di goji e cranberry), usando come base del latte o una bevanda vegetale: otterrai un frullato super nutriente e fruttato!

Pronti, partenza, NOCE!

Per gli sportivi più incalliti non c’è seme che tenga: la noce è il miglior alleato in assoluto! Col suo apporto calorico, proteico e di potassio si accompagna perfettamente a frullati con pesche o banane. Per aggiungere un tocco di sapore in più, consigliamo anche semi di lino ben sminuzzati, in modo tale che rilascino tutte le loro proprietà organolettiche. Anche in questo caso, per un frullato più nutriente, magari per reintegrare le energie dopo l’allenamento, usa come base il latte o una bevanda vegetale… la nostra preferita è quella al cocco!

CONDIVIDI SU:


ARTICOLI PIÙ RECENTI

Colazione o “brunch” pasquale? Sì, ma ricco di frutta secca e disidratata!

Le migliori ricette a base di frutta secca e frutta disidratata per cominciare a festeggiare la Pasqua fin dalle prime ore del mattino: scoprile subito!

Alimentazione “plant-based”: quale ruolo per la frutta secca?

Nei prossimi anni l’alimentazione dovrà diventare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale ed essere allo stesso tempo salutare. In questo contesto anche la frutta secca ha un importante ruolo nutrizionale.

Per un anno all’insegna del benessere con frutta secca e disidratata

Anno nuovo significa buoni propositi. Ecco alcuni consigli per migliorare abitudini alimentari e stile di vita, e vivere un anno all’insegna del benessere con frutta secca e frutta disidratata.