Quadrotti di quinoa soffiata e noci pecan

Quadrotti di quinoa soffiata e noci pecan


Tempo 150 minuti Difficoltà Media

Ingredienti

  • 200 g di cioccolato fondente al 64%
  • 160 g di burro di arachidi
  • 100 g di sciroppo d’agave
  • 60 g di noci pecan
  • 12 noci pecan per decorare
  • 40 g di quinoa soffiata

Preparazione

Per prima cosa, sminuzzare grossolanamente le noci pecan e riporle in una ciotola. Spezzare il cioccolato e metterlo in un pentolino, quindi farlo sciogliere a bagnomaria insieme al burro di arachidi e allo sciroppo d’agave. Mescolare il composto con cura finché risulterà omogeneo, quindi aggiungere la quinoa soffiata, le noci pecan e amalgamare il tutto. Foderare una teglia con un foglio di carta da forno, versare il composto e distribuire l’impasto su tutta la base livellandolo con cura. Infine, decorare la superficie con 12 noci pecan disposte alla stessa distanza l’una dall’altra. Riporre in frigo la teglia per 2 ore finché il dolce si sarà solidificato. Una volta pronto, tagliare a quadrotti della stessa dimensione e servire.

CONDIVIDI SU:


RICETTE PIÙ RECENTI

Carbonara con guanciale croccante e granella di pistacchi

La carbonara, piatto simbolo della tradizione culinaria romana, croce e delizia di tutti coloro che si cimentano nell’impresa di realizzarla. Lungi da noi insegnarvi come, ma saprete resistere alla libidine del guanciale croccante che incontra la dolcezza della granella di pistacchi?

Insalata di cavolo verza, edamame, pancetta croccante e frutta secca

Porta in tavola l’allegria con questa insalata di cavolo verza. Freschissima e gustosa, resa ancora più golosa dalla croccantezza della frutta secca. Provala subito!

Vasetti di mousse di ricotta, noci pecan e cranberries

La dolcezza della ricotta incontra la piacevole acidità dei cranberries in un tripudio di sapori e consistenze reso ancora più unico dalla croccantezza di biscotti e delle noci pecan. Un peccato di gola a cui non potrai dire di no!

Noci

Le noci spiccano tra la frutta secca per il loro elevato quantitativo di acidi grassi polinsaturi totali tra cui l’acido alfa-linolenico, un grasso omega-3 che fa parte dei grassi “buoni”.