Frutta secca è benessere… anche in estate!

Frutta secca è benessere… anche in estate!


Oltre al pesce crudo marinato e ai cereali (tipicamente riso), il poké può contenere anche frutta secca, solitamente anacardi o mandorle

Spesso presente sulle nostre tavole soprattutto nel periodo invernale, la frutta secca è in realtà un prezioso alimento da consumare in ogni stagione dell’anno, facilmente adattabile a diverse occasioni e modalità d’uso.

Perché quindi non sfruttare le sue numerose proprietà anche in estate?!

Se la frutta oleosa a guscio si distingue soprattutto per il contenuto in acidi grassimonoinsaturi e polinsaturi, proteine di buona qualità, fibre, vitamine come la E, la K, la vitamina B1 e i folati, o, ancora, minerali come il magnesio, il rame, il potassio e il selenio, quella disidratata (datteri, albicocche, fichi e prugne secche, ad esempio) si distingue soprattutto per il buon quantitativo di fibre e di vitamine, come la vitamina A. Entrambe le tipologie rappresentano quindi una buona fonte di preziosi nutrienti da assumere in adeguate quantità anche nei mesi estivi.

Ecco qualche idea estiva, gustosa e nutriente…

  • Pesti di frutta secca (come ingrediente principale): in estate, si sa, la voglia di cucinare e, soprattutto, di accendere i fornelli si riduce notevolmente. Cosa c’è di più facile, rapido e “fresco” di pesti realizzati utilizzando la frutta secca? Si può provare con il pesto di mandorle, che apporta rame, niacina, vitamina E e fibre in quantità significative (già con 30 g) o con il pesto di pistacchi, che apporta rame, fosforo, tiamina, ferro e fibre, o, ancora, con il pesto di pinoli, che apporta rame, magnesio, vitamina E, fosforo e zinco.
  • Poke bowl: si tratta del piatto più alla moda del momento… bello, colorato, con ingredienti freschi e spesso personalizzabile. Oltre al pesce crudo marinato e ai cereali (tipicamente riso) può contenere anche frutta secca, solitamente anacardi o mandorle, che apportano acidi grassi polinsaturi, rame, fosforo, magnesio e vitamina E (soprattutto le mandorle).
  • Smoothies: perché non arricchire gli smoothies con della granella di frutta secca? Semplici e rapidi da preparare, freschi, colorati e gustosi, gli smoothies, che siano a base di frutta o a base di verdura, si prestano bene a diversi abbinamenti, sia con la frutta secca che con la frutta essiccata: dalla granella di mandorle, nocciole o noci ai pezzettini di albicocche o prugne disidratate.

Ovviamente anche in estate non può mancare per lo spuntino la classica combinazione con un fresco yogurt, valida anche per gli sportivi. Infatti, sia la frutta secca o disidratata entrambe le tipologie apportano preziosi nutrienti (dal potassio delle albicocche disidratate al magnesio di mandorle e anacardi) e possono rappresentare una buona scelta per gli spuntini pre e post-allenamento.

CONDIVIDI SU:


ARTICOLI PIÙ RECENTI

Scopri in quali frutti trovare i minerali e le vitamine di cui hai bisogno

Che la frutta secca sia ormai considerata un alimento cardine di una buona alimentazione è noto, tant’è che il suo consumo è previsto ben 1-2 volte al giorno dalla Piramide della Dieta Mediterranea.

Frutta secca: la regina delle sagre d’autunno

Frutta secca: la regina delle sagre d’autunno

L’autunno saluta definitivamente l’estate ed entra nel vivo portando sulle nostre tavole alcuni degli alimenti più deliziosi e ricchi di nutrienti dell’anno: dalla zucca all’uva, fino alla frutta secca.

Frutta secca per l’“healthy aging”: benefici e trucchi per il suo consumo in età avanzata

Frutta secca per l’“healthy aging”: benefici e trucchi per il suo consumo in età avanzata

Con l’avanzare dell’età, si sa, i soggetti più anziani, i “senior”, possono andare incontro a diminuzione dell’appetito e problemi nella masticazione, che possono causare una inadeguata assunzione di alimenti.