Frutta secca alleata del cuore: le tante virtù delle noci

Frutta secca alleata del cuore: le tante virtù delle noci


Le noci sono l’unica tipologia di frutta secca in grado di apportare 2 g di questo prezioso acido grasso con una porzione di soli 30 g

Uno degli effetti benefici più noti quando si parla di frutta secca, e in particolar modo di noci, è quello relativo alla salute del cuore.

Tanto presenti sulle tavole nel periodo invernale e durante le festività natalizie, le noci come le altre tipologie di frutta secca a guscio apportano proteine, grassi insaturi e numerosi micronutrienti. In particolar modo, spicca il loro quantitativo di acidi grassi polinsaturi totali (ben 40 g su 100 g di prodotto) che è fino a 4 volte superiore a quello di altre tipologie di frutta secca (1). Tra questi acidi grassi è presente l’acido alfa-linolenico (ALA), un grasso omega-3 che fa parte dei grassi “buoni”, la cui assunzione giornaliera se pari ad almeno 2 g contribuisce al mantenimento di livelli normali di colesterolo nel sangue. Questo effetto non è da sottovalutare se si considera che l’alterazione dei livelli di colesterolo nel sangue è uno dei principali fattori di rischio cardiovascolare. A tal proposito, le noci sono l’unica tipologia di frutta secca in grado di apportare 2 g di questo prezioso acido grasso con una porzione di soli 30 g, contribuendo quindi, se assunte regolarmente, al mantenimento di un buon profilo di grassi nel sangue.

Non solo: per quel che riguarda i micronutrienti, le noci forniscono quantità significative di rame, fosforo, magnesio, zinco, potassio, ferro, vitamina E e tiamina, una particolare vitamina del gruppo B che contribuisce alla normale funzione del cuore.

Non da ultimo, le noci sono un alimento il cui beneficio sul sistema cardiovascolare è approvato anche dalla Commissione europea: infatti, 30 g al giorno contribuiscono al miglioramento dell’elasticità dei vasi sanguigni, elemento importante per il buon funzionamento e per la “salute” delle arterie.

 

Come e quando consumarle?

Da colazione a cena, ecco alcune idee per arricchire di noci la tua alimentazione:

  • al mattino, prova a fare colazione con uno yogurt bianco, 30 g di cereali integrali o fiocchi di avena e 30 g di noci (circa 5). Per una colazione completa consuma infine anche un frutto di stagione;
  • a pranzo e a cena prova ad integrare ogni tanto le noci nelle tue ricette o nelle insalate. Ad esempio, puoi creare un pesto di noci per accompagnare la pasta o preparare degli spaghetti con noci e acciughe, in modo da combinare i “grassi buoni” (ALA e DHA) presenti in entrambi gli alimenti.
  • infine, perché non consumarle per lo spuntino?! Che sia mattina o pomeriggio, si tratta di uno snack salutare, semplice e pratico, perfetto da portarsi anche in giro.

L’unica raccomandazione, come sempre, è quella di prestare attenzione alle quantità: 5 noci al giorno, alternate anche alle altre tipologie di frutta secca, sono in grado di apportare già un perfetto mix di energia e nutrienti.

  1. Carnovale E, Marletta L. Tabelle di composizione degli alimenti – aggiornamento 2000 – Istituto Nazionale della Nutrizione. Milano: Edra, 2000. http://sapermangiare.mobi/tabelle_alimenti.html

CONDIVIDI SU:


ARTICOLI PIÙ RECENTI

Frutta secca e disidratata: qual è la situazione del mercato italiano?

Gli acquisti di frutta secca sono raddoppiati, insieme alla quantità media per persona consumata ogni anno, oggi stimata a circa 3 kg.

Frutta disidratata, un pizzico di dolcezza (e nutrienti) durante la giornata

La frutta disidratata può essere un ottimo “dolcificante” naturale che apporta anche preziosi nutrienti, come la fibra.

Frutta secca, ingrediente “segreto” dell’arte dolciaria italiana

L’uso più comune che si fa di questo alimento nella tradizione italiana è sicuramente la preparazione di dolci dove molte varietà di frutta secca e disidratata sono protagoniste indiscusse.