Cinque domande sulla frutta secca


Una dieta vegetariana ben bilanciata include solitamente dai 30 ai 60 grammi di frutta secca e semi oleaginosi al giorno

La frutta secca fa bene, lo sanno ormai tutti, ma esattamente, perché: quali nutrienti contiene?
La frutta secca e i semi oleaginosi sono una preziosa fonte di proteine, acidi grassi essenziali (linoleico e alfa-linolenico) e minerali tra cui ferro, calcio e zinco. Frutta secca e semi oleaginosi contengono inoltre vitamine del gruppo B (tranne, ovviamente, vitamina B12) e vitamina E, oltre a numerose sostanze che esercitano un effetto positivo sull’organismo come polifenoli e steroli vegetali.

Quanta frutta secca posso mangiare ogni giorno?
Una dieta vegetariana ben bilanciata include solitamente dai 30 ai 60 grammi di frutta secca e semi oleaginosi al giorno. Per fabbisogni calorici più elevati si può arrivare anche a quantità superiori. Ma anche una dieta onnivora dovrebbe includere almeno 30 grammi di frutta secca o di semi oleosi al giorno! 5 noci, 23 mandorle, 12 arachidi e così via possono essere inseriti nella dieta di ognuno, magari riducendo i grassi di origine animale, a grande vantaggio della salute.

Come abbinare la frutta secca agli altri alimenti?
Non c’è una particolare raccomandazione per quanto riguarda l’abbinamento della frutta secca con altri alimenti. 5 noci, 23 mandorle, 12 arachidi e così via possono essere inseriti nella dieta di ognuno, magari riducendo i grassi di origine animale, a grande vantaggio della salute. Come raccomandazione generale rimane quella di non superare la porzione di 30g.

Frutta secca e frutta essiccata, quali differenze?
Viene considerata frutta secca tutta la frutta contenuta in un guscio. Si tratta di noci, mandorle, nocciole, pistacchi, anacardi e arachidi. Questa frutta è detta anche frutta secca lipidica, ricca di potassio, fosforo e povera di zuccheri. Il termine lipidico è dato dal fatto che questa frutta è ricca di grassi – ma fortunatamente i grassi presenti sono quasi esclusivamente insaturi – e Omega3, utili per diminuire il livello di colesterolo “cattivo”. Invece la frutta disidratata è la frutta fresca sottoposta ad essiccazione. Quest’ultima è detta anche frutta secca glucidica, ricca di zuccheri semplici e fibra, ed è priva di grassi. Il termine glucidico è dato dal fatto che il procedimento dell’essiccamento sottrae fino al 30/35% di acqua ed i nutrienti in questo modo si concentrano.

La frutta secca fa bene ai bambini?
Già dai sette/nove mesi del bambino è possibile inserire questi gustosi frutti nella dieta. Come la frutta fresca è sicura e nutriente. Tra i benefici ci sono la prevenzione dell’anemia, l’apporto della giusta energia (con le loro calorie, i frutti essiccati danno il giusto slancio ai bambini, sempre in movimento), evitano problemi di costipazione, e sono eccellenti per le ossa e la vista (in questo caso le mandorle sono protagoniste grazie alla ricchezza di calcio).

Nello specifico: i datteri sono perfetti per calmare il senso della fame e la voglia di dolce, e sono digeribilissimi, l’uvetta è diuretica e lassativa così come le prugne. I pinoli sono davvero ricchi di ferro. E in caso di carenza di potassio e magnesio, potete dare loro le albicocche secche, perfette quindi in estate per integrare potassio e d’inverno per il magnesio che aiuta la concentrazione!

CONDIVIDI SU:


ARTICOLI PIÙ RECENTI

Frutta secca e disidratata: qual è la situazione del mercato italiano?

Gli acquisti di frutta secca sono raddoppiati, insieme alla quantità media per persona consumata ogni anno, oggi stimata a circa 3 kg.

Frutta disidratata, un pizzico di dolcezza (e nutrienti) durante la giornata

La frutta disidratata può essere un ottimo “dolcificante” naturale che apporta anche preziosi nutrienti, come la fibra.

Frutta secca, ingrediente “segreto” dell’arte dolciaria italiana

L’uso più comune che si fa di questo alimento nella tradizione italiana è sicuramente la preparazione di dolci dove molte varietà di frutta secca e disidratata sono protagoniste indiscusse.


Logo Nucis
Logo INC

Nucis Italia associa le principali aziende italiane che producono e commercializzano frutta secca e frutta essiccata.
É un’Istituzione senza fine di lucro e opera a livello internazionale per promuovere e finanziare ricerche scientifiche sui contenuti salutistici della frutta secca come rappresentanza italiana di I.N.C. ­International Nut and Dried Fruit Council Foundation.

Nucis Italia

via Sabotino, 46
00195 Roma (presso FRUITIMPRESE)
tel. 06.37515147
fax 06.3723659
Informazioni: info@nucisitalia.it


Privacy Preference Center