Studi prospettici ed osservazionali hanno evidenziato che il consumo regolare di frutta secca può ridurre il rischio di diabete di tipo 2, o non insulino dipendente. Questa prospettiva è di grande interesse per la grande diffusione di questa patologia nell’età avanzata ed i rischi a livello cardiovascolare che essa comporta.