6 buoni motivi per introdurre le prugne secche nella dieta

Scopriamo perché le prugne secche fanno bene all’organismo aiutandoci a rimanere in forma e in salute. Quali sono le proprietà di questo frutto morbido e gustoso?

1. Aiutano l’intestino pigro

Le prugne secche hanno grandi proprietà lassative grazie all’alto contenuto di fibre. Le prugne, infatti, contengono acidi organici, ossifenisatina, sostanza utilizzata anche in passato come lassativo, e zuccheri ad azione osmotica, tra cui il sorbitolo. Se volete ottenere l’effetto lassativo al meglio dovete lasciare le prugne secche in ammollo per una notte per poi mangiarle il mattino successivo insieme all’acqua in cui si sono ammorbidite. Il quantitativo consigliato è di 5/6 prugne al giorno.

2. Aumentano le difese immunitarie

Soprattutto in questo periodo dell’anno il nostro organismo è messo a dura prova da virus e malanni di stagione ed è quindi importante supportare l’organismo con i giusti integratori. Cosa c’è di meglio delle prugne secche per aumentare le difese immunitarie? La vitamina C contenuta nelle prugne secche rinforza il sistema immunitario e aiuta l’assorbimento del ferro, fondamentale per l’ossigenazione cellulare.

3. Hanno proprietà antiossidanti

Grazie ai fenoli in esse contenute, le prugne secche sono antiossidanti e riescono a combattere i radicali liberi, sostanze di scarto delle cellule che possono essere causa dell’insorgere di malattie cardiovascolari e degenerative, come osteoporosi e artrite reumatoide. La presenza di antocianine, da cui deriva il colore violaceo, contribuisce, insieme ai fenoli, a prevenire disturbi cardiocircolatori. Oltre alla vitamina C, le prugne secche contengono potassio, carotenoidi e vitamina K, tutte sostanze che contribuiscono a combattere l’invecchiamento cellulare e i segni dell’età.

4. Aiutano a perdere peso

Un’altra proprietà delle prugne secche è quella di essere un alleato del dimagrimento. Secondo uno studio del Dipartimento di Scienze Psicologiche dell’Università di Liverpool, nel Regno Unito, il consumo di 100-150 gr di prugne secche ogni giorno può comportare una perdita di chili in eccesso e un aumento del senso di sazietà, aumentando la sensibilità del corpo all’insulina. Gli esperti, quindi, sostengono che le prugne secche, insieme a frutta e verdura fresca, possano dare un apporto positivo alla dieta, soprattutto per il controllo dell’appetito.

5. Fortificano le ossa

Una ricerca condotta da Bahram H. Arjmandi, professore presso l’Università della Florida, ha dimostrato che le prugne secche hanno effetti positivi sulle ossa. Sul campione di 100 donne in menopausa che hanno assunto per un anno 10 prugne secche al giorno si è riscontrata una diminuzione dell’osteoporosi nel giro di 12 mesi. La densità minerale ossea nelle donne testate è infatti aumentata in diverse parti dello scheletro, tra cui collo del femore e colonna vertebrale.

6. Riducono il rischio di diabete di tipo2

Uno studio pubblicato sul British Medical Journal, sostiene che la riduzione di tale rischio sarebbe intorno al 18% se si assume un quantitativo di 100 gr di prugne secche al giorno. Le fibre contenute nelle prugne secche aiutano non solo a migliorare la funzionalità dell’intestino, ma anche nel controllo dei livelli di zucchero nel sangue. Le prugne essicate possono quindi diventare un ottimo sostituto naturale dello zucchero, controllando così il quantitativo di zucchero assunto nell’alimentazione quotidiana.

Rispondi